Single Blog Title

This is a single blog caption

LA ROBUSTEZZA SI VESTE DI CERAMICA – Riccardo Fresi de “La Clessidra”

La Clessidra N° 5 – Ottobre 2017

a cura di Riccardo Fresi

LA ROBUSTEZZA SI VESTE DI CERAMICA

Gli appassionati ricorderanno che Fortis nasce nel 1912 a Grenchen, in Svizzera, fondata da Walter Vogt insieme ad Alfred Rüefli, liquidato dopo poco tempo. Il nome Fortis deriva dal latino e vuole rappresentare sostanzialmente la forza fisica e il coraggio. Fondamentale, nel 1926 la presentazione del primo orologio da polso automatico, a Basilea, disegnato e concepito dall’orologiaio John Harwood e caratterizzato dall’assenza della corona di carica.
Lo stesso Harwood fu autore dei due cronografi presentati nel 1937, il Rolls e l’Autoris, che celebrarono il 25° anniversario del brand. Nel 1943, ecco il primo orologio realmente impermeabile della Casa, il Fortissimo. Nel 1962 cominciano le collaborazioni con gli enti spaziali, e diviene protagonista lo Spacematic testato dalla NASA per le sue elevatissime doti di robustezza alle variazioni termiche. L’avventura nello spazio di Fortis ha un’accelerazione determinante vengono scelti dall’Agenzia Spaziale Federale Russa come orologi ufficiali per le missioni, diventando poi nel 1997, segnatempo ufficiali delle missioni spaziali russo-Tedesche MIR 97.
Il primo cronografo con allarme integrato viene presentato nel 1998, su progetto dell’orologiaio Paul Gerber.
Ecco, sulla scia di un simile heritage va inquadrato il recentissimo Stratoliner Ceramic p.m, appartenente alla famiglia Cosmonautis. In acciaio satinato da 42 mm di diametro, impiega il collaudatissimo meccanismo cronografico automatico ETA-Valjoux 7750 (28.800 alternanze/ora, 25 rubini, 48 ore di riserva di carica. La lunetta incisa, con carattere sfumato, con la scala tachimetrica, è in ceramica, mentre la robustezza e l’impermeabilità fino a 10 atmosfere sono garantiti da corona ben dimensionata-protetta da spallette-e pulsanti a vite, con fondello integrato da vetro zaffiro per la visualizzazione del movimento. Il quadrante, protetto da vetro zaffiro con trattamento antiriflesso su entrambi i lati, è nero mat con indici rettangolare e lancette a bastone beige rivestiti con Superluminova a luminescenza verde; al 3 troviamo le finestrelle del dat-date. L’orologio è completato da cinturino in pelle ed ha un costo di 3.270 euro.

Fonti:
La Clessidra Orologi
Rubrica Ultim’Ora di Riccardo Fresi